Ricordi di viaggio e amiche lontane

Di ritorno da Roma, comodamente seduta in Frecciabianca, mi è tornato in mente un viaggio di tanti anni fa: un Bologna-Catania in Regionale notturno, 16 ore su un treno sferragliante, caldo all’inverosimile, con una puzza di fumo da svenire perché, su certe distanze, non c’è divieto che tenga.

Per fortuna viaggiavo con un’amica, una di quelle con le quali ne passi di tutti i colori, di quelle che pensi che rimarrete amiche per sempre, poi la vita si mette di mezzo e si cambia e ci si ritrova distanti e nemmeno sai spiegare perché, sai solo che ti dispiace da morire e, se potessi, torneresti indietro.

Insomma, dicevo, viaggiavo con un’amica e avevamo prenotato le cabine notte, per poi scoprire che i letti mica si aprivano e ci toccò di dormire mezze sedute, mezze storte, con una tizia perfettamente estranea che ad un tratto si è tolta le scarpe e ha infilato i piedi contro la schiena della mia amica. Roba d’altri tempi.

Arrivammo con ore di ritardo, con la nausea e lo stomaco sotto-sopra, con una stanchezza incollata alle ossa da credere che non ci saremmo riprese mai più.

E ho ripensato alle gite in pullman, con quell’odore di moquette tarmata e il pensiero a tutte le teste poco pulite che si saranno appoggiate sullo schienale prima di me e le cuffie del walckman pigiate nelle orecchie ad ascoltare una musica orrenda solo perché piaceva a lui.

Eppure. Eppure li ricordo ancora come viaggi di una bellezza sconfinata. In fondo, ce ne fregava niente se il treno puzzava, se ci toccava di stare a contatto con gente estranea che educazione non sapeva nemmeno come scrive, se il pullman ci faceva venire la nausea, ma mai ci saremmo seduti davanti, con i professori e gli studenti un po’ lecchini, un po’ sfigati.

Una parte di me rimpiange questo modo di viaggiare che non esiste più. Anche se poi ringrazio ogni giorno di poter prenotare il treno, sedermi comoda su sedili relativamente puliti, osservando il paesaggio che scorre veloce fuori dal finestrino e arrivare a Roma in due ore, senza mal di pancia e senza nausea…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...