Basta numeri sulla crisi, vogliamo fatti concreti!

“In Emilia-Romagna, nel 2012, quasi 20.000 persone si sono rivolte a uno dei 15 Centri di ascolto della Caritas per chiedere aiuto.

La maggior parte delle persone che si rivolge ai centri è di origine straniera (7 su 10), ma è in aumento il numero degli italiani. Cresce anche il numero delle persone che ha un lavoro (il 16% di chi ha chiesto aiuto), delle ragazze madri e delle ex badanti che hanno perso il lavoro”.

Nel leggere questa notizia, mi è tornato in mente l’uomo che chiede l’elemosina a pochi metri dal nostro ufficio. Seduto per terra, gli occhiali sul naso, un piumino addosso un po’ frusto, ma pur sempre semi-nuovo. Ai suoi piedi un cartello: “35 anni di contributi, troppo vecchio per la riassunzione”.

E poi mi è tornato in mente il manager di azienda che raccontava la sua storia sul treno. Rimasto senza lavoro a quasi 50 anni, si ritrovava oggi ad accettare un impiego in STAGE. “Mi ci vedete, voi – commentava con i sui compagni di viaggio – a ricominciare dallo Stage a quasi 50 anni, come se fossi uno studentello appena uscito dall’Università” e scuoteva la testa, ingrigita, con il sorriso ironico in volto di chi ormai le ha viste proprio tutte.

Mi è ritornata in mente, ancora, la donna anziana seduta sui gradini di un negozio in Strada Maggiore, nel pieno centro di Bologna, lo sguardo fisso nel vuoto, il cartello stropicciato: “Sono disoccupata, ho un figlio da mantenere all’Università”.

E infine mi è tornato in mente il discount dietro casa dove ho fatto la spesa per anni, perché di soldi non ne guadagnavo abbastanza per andare all’Esselunga o alla Coop. Nei primi tempi ero quasi l’unica italiana. Adesso ne è pieno: giovani single, famiglie con i bambini, coppie di anziani.

Sono solo pochi esempi e di sicuro sono molto locali (conosco la realtà del mio quartiere, della mia città, non vado molto oltre), però mi chiedo: continuano a snocciolarci dati sulla crisi, sulla disoccupazione, sull’aumento delle persone che si rivolgono alla Caritas, ma c’è qualcuno che sta facendo veramente qualcosa per farci uscire da questa crisi o ci stiamo solo infossando sempre di più?

Foto da Sxc.hu

Un pensiero riguardo “Basta numeri sulla crisi, vogliamo fatti concreti!

  1. Con enorme dispiacere credo proprio che nessuno stia facendo nulla, anzi mi pare proprio che le attivita' di governo piu' praticate siano le risse, gli scandali e le ruberie a danno degli italiani. Ma non ci sara' mai fine? Fino a quando abbasseremo la testa senza mai ribellarci? Non basta l'indignazione, occorre l'azione……. Mah

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...