Puzza di carità cristiana

Questa mattina sono scesa dal treno e sono stata investita da una puzza incredibile, una di quelle che ti prende alla gola e alla bocca dello stomaco e fai fatica a respirare perché, ad ogni respiro, inali solo puzza.

Quel genere di tanfo insopportabile che istintivamente associo alla povertà, all’assenza di una doccia da mesi, agli esseri umani che, senza una casa in cui vivere, finiscono per assomigliare a cani randagi abbandonati per strada.

Mi sono guardata intorno, per capire da dove provenisse quell’odore così forte, così pungente, che ad ogni passo diventava più insopportabile.

E poi, proprio in cima alle scale di uscita dalla stazione, ho visto due senzatetto accovacciati sotto pesanti coperte, abbracciati l’uno all’altro per tenersi al caldo, circondati da buste di plastiche piene zeppe di indumenti sporchi.

La prima cosa che ho pensato forse vi sembrerà assurda, ma mi è venuto in mente quando il mio ragazzo e io stiamo abbracciati, sotto le coperte, in inverno, a parlare, a scaldarci, a ridere, semplicemente ad esserci, l’uno per l’altro.

Ho pensato che almeno non erano soli, che almeno erano in due, che c’erano l’uno per l’altro, con la loro puzza e tutte le loro cose stipate in quelle buste.

Poi, poi non ho potuto fare a meno di domandarmi quale fosse la loro storia e come ci siano finiti a dormire in un angolo di strada, se abbiano mai avuto una famiglia, se ci sia qualcuno, da qualche parte, che li sta aspettando o se fossero soli al mondo, dimenticati da tutti.

Mi sono chiesta come possa uno Stato, che si definisce democratico e civile, permettere che i propri cittadini vivano in quelle condizioni, e come possa permetterlo la Chiesa e dove sia, in tutto questo, la carità cristiana

3 pensieri riguardo “Puzza di carità cristiana

  1. L'indifferenza non è nello Stato o nella Chiesa, l'indifferenza colpisce l'individuo e si riflette sulle istituzioni formate da tanti individui come noi. Sta a ognuno di noi fare il possibile per quelle persone. Personalmente sono contro il dare denaro a chiunque ne chieda … se una madre ti si avvicina e ti chiede soldi per comprare il latte al proprio bambino io (se sono 'in grazia') la porto in farmacia e gli compro il latte in polvere …

    "Mi piace"

  2. Caro Anonimo, mi hai fatto tornare in mente quando diedi una banana a un ragazzo che faceva l'elemosina fuori dall'Università. Mi ringraziò come se gli avessi regalato una casa intera. E lo sguardo di quel ragazzo me lo ricordo ancora. Sarebbe bello poter fare di più.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...