In questa società è facile perdere la strada

Sono sempre stata affascinata dal comportamento delle formiche. Le avete mai osservate? Si dispongono in lunghe code infinite, ordinate, creando sentieri lungo i muri, le pareti, arrampicandosi in verticale fino a raggiungere altezze che per noi sarebbero vertiginose.

Le osservavo quest’estate, nella casa al lago della mia famiglia, allungarsi in scie nere sotto il portico in legno. Mi è tornata in mente la mia bisnonna, lei ci sgridava sempre quando mangiavamo il pane davanti a casa e facevamo le briciole: “andé in tal prato che ci veggono le formiggole” urlava, e noi obbedivamo perché alla mia bisnonna non era facile dire dei no.

Le formiche sono cieche, seguono la scia lasciata dalle formiche davanti a loro. Se perdono la scia sono perdute, lo capisci perché una di loro inizia a girare a vuoto, a muovere le antenne nell’aria, alla ricerca di qualcosa che le aiuti a ritrovare la strada.

Anche nel mondo del lavoro, oggi, è facile perdersi, smarrire la strada, svegliarsi una mattina e rendersi conto che non si sa più il motivo per cui si continua a fare quello specifico lavoro.

E il problema più grande è che si rischia di perdere anni in uffici dove il lavoro non viene per nulla riconosciuto, dove il valore del capitale umano viene dopo il profitto.

Eppure rimaniamo incollati alla scrivania, a sopportare tutto perché la televisione c’ha insegnato che fuori c’è la crisi e che quindi non possiamo aspettarci niente di meglio.

Abbiamo dimenticato cosa vuol dire avere delle aspirazioni, delle pretese, cosa vuol dire aspettarsi di più dalla vita.

Ci hanno messo in testa che è giusto accontentarsi di lavori sottopagati, con contratti assurdi, senza contributi per il nostro futuro e finiamo per diventare formiche che hanno perduto la strada.

È venuto il momento di dire basta, di smettere di accettare tutto in virtù del fatto che “siamo fortunati ad avere un lavoro”.

Dico che è ora di ricordare che cosa volevamo essere e compiere qualsiasi sforzo per diventarlo. Perché, come ha scritto diversi mesi fa , “La tua aspirazione si porta dietro una determinazione che nemmeno immagini”.

E voi?

State facendo quello che sognavate di fare o vi siete persi?

Foto da Sxc.hu

4 pensieri riguardo “In questa società è facile perdere la strada

  1. A volte in certi ambienti si staziona in attesa di sferrare l'attacco. Philip Glass aggiustava lavatrici prima di diventare il grande compositore che è ora 😉

    "Mi piace"

  2. Magari sono un pò più vecchia di te ^_^…ma sono riuscita a fare quello che volevo, e continuo nella mia crescita e nelle mie passioni.
    Sapere e desiderare fortemente ciò che si vuole è già un piccolo mattoncino!
    Ciao Lieta

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...