La strana sensazione di scrivere su un foglio di carta

Da quando ho visto questa foto sulla pagina Facebook di Nokia Italia, non ho fatto altro che pensarci. I commenti alla foto dicono quasi tutti quello che anche io ho pensato sin da subito: “che tristezza”.

Ma non è solo tristezza. Non è solo un malinconico “stanno cambiando i tempi, ti ricordi quando prendavamo appunti e ci passavamo i bigliettini sotto il banco?”

Quello che mi preoccupa è: se a scuola si inizierà a fare foto invece che prendere appunti, a scrivere con il sussidio del correttore automatico di word, con la scrittura facilitata degli Smart Phone e dei Tablet (al secolo T9), come impareranno i bambini la grammatica, la sintassi, l’ortografia?

Come impareranno dai loro errori se possono cancellare, riscrivere, ricancellare e riscrivere senza che ne rimanga traccia sul foglio? Se non hanno più bisogno di stare attenti a quello che scrivono perché è come se il foglio fosse sempre una bella copia?

Perché scrivere un tema (o una tesina) con Word o a mano su un foglio protocollo non è la stessa cosa. Provate a pensarci.

Quando hai due ore per scrivere un testo, in maniera corretta e leggibile, sulle motivazioni che hanno portato allo scoppio della seconda guerra mondiale, non hai il tempo per fare la malacopia e ricopiare in “bella” e finisci per stare molto attento a quello che stai scrivendo, perché non puoi cancellare e riscrivere di continuo.

Con word, scrivi, cancelli, scrivi di nuovo, anche mille volte. Il Tablet e gli Smart Phone poi scrivono al posto tuo, basta che iniziate a scrivere una parola e loro la finiscono per voi, proponendovi anche una serie di possibili alternative.

Insomma, certo è comodo, ma una parte del cervello può tranquillamente dormire mente l’altra lavora. E non è una cosa positiva.

Ho fatto la prova su me stessa. Ho provato a scrivere uno dei miei post sulla carta, con l’antica penna a sfera, e sapete una cosa? È stato stranissimo, mi sono venuti mille dubbi su come si scrivono le parole… non tanto di grammatica o di sintassi, ma proprio di ortografia. Roba da non credere.

Fino a poco tempo fa avevo sempre penna e quaderno nella borsa, per scrivere tutte le idee che mi venivano in mente, per appuntarmi la lista della spesa, per segnarmi pezzi di racconti, poesie… mentre ora, ora nella borsa ho solo il Tablet.

Quindi, comodo o non comodo, cercherò di capire come togliere questa cavolo di scrittura facilitata dal mio Samsung Galaxy, anche perché due volte su tre scrive quello che vuole lui e mi manda al manicomio.

E cercherò di ricominciare a scrivere almeno la lista della spesa a mano, con penna e foglio, anche solo per non sentirmi troppo in colpa quando i produttori di biro dichiareranno fallimento!

E voi?

Scrivete ancora a mano libera o avete soppiantato il caro vecchio foglio di carta con la tastiera del computer e il touchscreen?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...