Un Blog muore quando nessuno ne parla più

Questo fine settimana i miei parenti sono venuti a vedere la nuova casa che condivido con Andrea e i loro commenti mi hanno fatto pensare… al blog! 😉

Per quaranta minuti circa le pareti hanno risuonato di “bellissima” e “che vista manifica” e “ma in fondo le scale non sono poi così tante, basta prenderle con calma”.

Mio padre ha subito commentato che “in quell’angolo la pianta non ha luce, spostala in salotto, vicina alla finestra”, mentre mia nonna ha approvato con decisione il posto che io e Andrea abbiamo destinato al cassettone in legno che c’ha regalato una delle sue sorelle.

Quando se ne sono andati, la casa è ritornata al suo solito silenzio, un silenzio così strano visto che ci troviamo in pieno centro città; abbiamo spento le luci e sistemato gli ultimi acquisti.

Non per questo i commenti si saranno fermati. Me la immagino, la mia famiglia, mentre scende le scale di casa, poi la passeggiata fino alla macchina, con mio padre che fa da Cicerone, e poi seduti braccio a braccio, in auto, continuare a parlare dei mobili, della vista dal terrazzo, delle travi a vista del piano di sopra. Magari avranno criticato qualcosa, non so, la scelta delle tende, la posizione del tavolo in cucina… cose così.

Questi pensieri mi hanno fatto tornare in mente due articoli che ho letto di recente, uno di Wired e uno di My Social Web, che si chiedevano se i commenti sui Blog sono destinati a scomparire lasciando il posto ai commenti sui Social Network.

Quasi nessuno commenta sul mio Blog. Commentano tanto su Facebook, su Google Plus, a volte su Twitter. Con le mie colleghe ne parliamo nella pausa del pranzo, alcune mi scrivono il loro parere via email, inoltrandomi uno dei miei Post. Molti mettono semplicemente un “mi piace”.

All’inizio insistevo un po’. Cercavo di convincere gli altri a commentare sul Blog invece che via email o via social… poi ho capito una cosa. Ho capito che non ha importanza dove siano i commenti, ma che continuino ad esserci.

Dai commenti nascono nuove riflessioni, nuovi temi da affrontare, a volte riescono persino a farmi cambiare idea su un argomento! Anche da quelli negativi, come il mio ragazzo, che dice che sto perdendo il mio tempo, che dovrei dedicarmi a qualcosa di più “importante”, che il Blog non è “abbastanza” per me; anche da queste discussioni nascono nuove idee.

Io per prima, pur consultando e leggendo un numero considerevole di Blog, spesso commento tramite Facebook, Twitter o Google Plus; a volte poi non commento affatto, magari sto per farlo, arriva a casa Andrea, ci mettiamo a tavola, poi un film sul divano, passa il tempo e il commento mi rimane dentro e a distanza di qualche settimana magari diventa un post.

Il Blog muore quando nessuno ne parla più, che poi se ne parli sul Blog stesso o su altre piattaforma oppure di persona, davanti a un thé con biscotti alle 9 di una qualsiasi domenica mattina, che importanza ha?

La foto è “Chiacchiere da bar”, una delle illustrazioni della bravissima Katya Longhi.

10 pensieri riguardo “Un Blog muore quando nessuno ne parla più

  1. Io commento pochissimo sui blog in genere perché da quando abbiamo cambiato pc ho dovuto fare un nuovo account e non compare la mia foto!!!Detto questo i nonni ,lo zio e noi siamo entusiasti della vostra casa .I nonni e lo zio hanno continuato i commenti positivi anche a casa !!!Siamo molto orgogliosi del lavoro che avete fatto e vi auguriamo una bellissima e felice vita a due!!!!

    "Mi piace"

  2. Il post su Wired m'è sembrato un po' ridicolo, visto che parla della morte dei commenti – che secondo me non è vera – e poi nessuno ha risposto al commento mio e di un altro a quel post…

    Comunque ti do ragione, i commenti aumentano la discussione e rendono vivo il blog.

    Se ne ricevi pochi, devi allora chiederti perché, analizzare i post in cui li hai avuti e migliorare quelli futuri.

    È sbagliato commentare il post sui social. Io in futuro penso che smetterò di condividere il post sui social proprio per quel motivo.

    "Mi piace"

  3. Caro Antonio, sono pienamente d'accordo con te. Dal mio punto di vista, scrivere senza che nessuno legga è solo un esercizio di stile… però i commenti sono sempre ben apprezzati, visto che aiutano a crescere e a trovare nuovi spunti su cui scrivere. Quindi, grazie del tuo commento. 🙂

    "Mi piace"

  4. Caro Daniele, sì, conosco il tuo Blog. Sono una delle tue seguaci! Vedo spesso anche i tuoi commenti nei Blog che io stessa seguo. 🙂 Comunque non so se smettere di condividere sui Social sia una buona idea, non ti generano traffico verso il Blog? E poi, ognuno non dovrebbe essere lasciato libero di commentare dove più desidera? O sono troppo “liberale”? Sul fatto di analizzare i miei post, sì, hai pienamente ragione. Il mio è un Blog “appena” nato e mi rendo conto che ancora non ha una strada ben delineata. L'ho creato quasi per gioco, poi mi ci sono appassionata! Lo trovo un bellissimo modo di comunicare con il mondo esterno. Su wired, anch'io ho commento spesso, mai avuta una risposta. Poi per commentare si diventa un po' matti… quindi, ci credo che per loro i commenti sono morti! 😉

    "Mi piace"

  5. Ciao!
    Secondo me un blog che si alimenta anche con il dialogo dei lettori non può mai morire. E' importante che traspaia la passione, il “lato umano” e se vuoi anche la simpatia del blogger. Se poi questo dovesse decidere di non rispondere più ai commenti, o rispondere solo ad alcuni la situazione può prendere davvero una brutta piega. Magari il blog non morirebbe, ma rimarrebbe in stato vegetativo cronico. Selezionare una cerchia di persone alle quali rispondere, per un bieco tornaconto personale può far storcere il naso al lettore affezionato, che può decidere di andare altrove. Il lato social di internet è identico a quello della vita offline, sei d'accordo?
    Simone

    "Mi piace"

  6. Concordo con te Simone, quando si apre un Blog si deve mettere in conto un discreto quantitativo di tempo per rispondere ai commenti, altrimenti, che cavolo hai aperto un Blog a fare se te la racconti da solo senza interagire con gli altri??? 😉 Sul fatto di non fare differenze concordo, però non sempre c'è malafede. A volte è solo che non si può rispondere a tutti tutti… tra commenti sul Blog, sui social, le email… insomma, a volte bisogna per forza fare delle scelte! Per ora, grazie del commento! 🙂

    "Mi piace"

  7. ciao ti ho trovata per caso, sono indecisa se chiudere o meno il mio blog aperto dal 2007 …ora ho letto questo tuo post e mi fa riflettere…per ora grazie e un saluto, spero che passerai da me per dirmi che ne pensi!

    "Mi piace"

  8. Ciao Fioredicollina. A me sembra che il tuo blog sia vivo e vitale! Ricevi tanti commenti, hai messo insieme iniziative e progetti che puoi portare avanti; che cosa c'è che non ti convince più? Perché vuoi chiuderlo? Si tratta di una questione di tempo? O sono gli argomenti che non ti interessano più come prima?
    Fammi sapere e buona domenica. 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...