Vuoi ritrovare la creatività? Allora muoviti!

Voi come affrontate i cali di creatività? Quelli in cui vi ritrovate apatici, senza più idee, incapaci di trasformare in parole (o in immagini, o in musica) ciò che vediamo, viviamo, sentiamo?

Mi sono posta queste domande di recente, leggendo un articolo di grande interesse dedicato alle tecniche per ritrovare la creatività, scritto da Carlotta Silvestrini.

Avete presente quando sembra di non avere più niente da dire, niente da condividere? Quando la nostra capacità di trasformare in parole (o in immagini, o in musica) ciò che vediamo, viviamo, sentiamo sembra essersi esaurita per sempre?

Ecco, quei simpatici momenti lì.

La soluzione? Nel post citato era mettersi seduti, ascoltare musica e disegnare su un foglio di carta in maniera libera, senza stare tanto a pensare al risultato artistico finale.

Ora, leggendo questo consiglio mi sono resa conto che, su di me, questa tecnica non potrebbe funzionare mai. Per quanto mi riguarda, l’unico modo per riattivare la mia creatività è apparentemente all’opposto, ovvero muovendomi.

Quando sono bloccata, io vado a camminare. Non che debba fare chissà quanti chilometri, non che debba faticare in strade con salite ripide e scarpate; a volte basta anche solo una passeggiata nel parco più vicino.

Anche i viaggi in treno, o in autobus, fanno miracoli! Osservo la vita che scorre alle fermate, agli incroci, al di là del finestrino, osservo le persone sedute nel mio scompartimento, i loro comportamenti, il modo di muoversi e di osservare (o non osservare) gli altri e mi vengono una marea di idee.

E ho capito che, dopotutto, il mio muovermi, il mio viaggiare e il suo stare seduta hanno la stessa identica radice: la necessità di staccare dalle nostre quotidianità, di mettere fuori la testa dalle responsabilità dell’ufficio, dell’essere madri, mogli, fidanzate, figlie, sorelle.

C’è chi, come me, ha bisogno di uscire, di muoversi e chi invece si chiude in una stanza, la musica di sottofondo e magari un bel bicchiere di vino rosso.

Ma il risultato, alla fine, non cambia.

E voi? In che modo ritrovare la creatività?

Foto da Freeimages.com

9 pensieri riguardo “Vuoi ritrovare la creatività? Allora muoviti!

  1. C'è chi corre, c'è chi cammina, c'è chi si immerge nella vasca da bagno, con le candele accese e tanta schiuma, c'è chi cucina… l'importante è trovare spazi e tempi per salvarsi dal tran tran quotidiano che ammazza la creatività. Grazie del tuo commento, e del tuo post che ha ispirato il mio! 🙂

    "Mi piace"

  2. Sai quante volte mi fermo in mezzo al marciapiede e tiro fuori il mio quaderno per scrivere? Mi prenderanno per pazza! Se potessi scrivere camminando, senza correre il rischio di andare a sbattere contro qualche palo o di essere investita, penso che lo farei! 😉

    "Mi piace"

  3. Mi piacerebbe sapere se c'è una ragione chimico-organica che apre le finestre della mente per fare entrare un po' di aria fresca quando fai uno sforzo fisico anche moderato ma continuato, come camminare.
    A me succede sempre. Quando poi cammino in compagnia gli stimoli aumentano, si entra più facilmente in confidenza. Si vede proprio che ci siamo evoluti partendo dalle migrazioni al seguito dei branchi di prede nelle ampie savane africane.
    È un piacere primitivo che entra nel profondo del nostro cervello.
    Papà

    "Mi piace"

  4. Eheh, papà, sapevo di avere un sostenitore del camminare! Forse sarà che stiamo sempre fermi, chiusi in casa, al lavoro, in macchina… la mente invece ha bisogno del movimento, per evitare di stagnare nella routine del quotidiano.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...