5 motivi per cui ho deciso di abbandonare il mio avatar

Il primo di giugno mi sono (finalmente) decisa a liberarmi del mio avatar. Cosa significa? In pratica, ho modificato foto, nome e cognome del “profilo autore” che compare sul mio Blog.

Prima avevo una foto da cartone animato e i miei articoli erano firmati “Mediamente Stanca”, ora compare il mio nome e cognome con la mia foto.

È un momento da festeggiare, perché sancisce un passaggio importante per un blogger; significa (letteralmente) che da questo momento in avanti sono io a metterci la faccia.

Come mi sono sentita? In una parola: libera, proprio come Peter Parker.

Avete presente quando Peter Parker, in un momento di crisi esistenziale, perde i superpoteri? Bene, ad un certo punto si ritrova a vagare nella notte, solo, senza poteri. Inizia a piovere a dirotto (nei momenti topici piove sempre), arriva in un vicolo, osserva la sua maschera, il suo costume e dice “SpiderMan mai più” e getta tutto in un cassonetto.

Nei giorni successivi, senza più la responsabilità di correre in giro per la città a salvare estranei che si mettono nei guai, Peter si sente libero, libero come non si sentiva da tempo, libero di ignorare le sirene della polizia e continuare a camminare per la strada mangiando un gelato.

Poi, va bene, Peter torna ad essere SpiderMan, perché il mondo senza SpiderMan non è un mondo migliore. Però, però io mi sono sentita esattamente come lui: libera dal mio avatar.

E sono anche più fortunata di lui, perché io non ho bisogno di una maschera per scrivere sul mio Blog; e anche se il web è pieno zeppo di Troll, di sicuro non corro gli stessi rischi di un supererore che combatte i cattivi!

Ora, fuor di metafora, ci tengo a condividere con voi i cinque (buoni) motivi che mi hanno convinta a liberarmi del mio avatar.

1) Anche se non lo sai, ti sta rubando visibilità
Nei giorni precedenti al mio passaggio “da avatar a persona” ho fatto una prova. Ho cercato Alice Spiga nel web e poi Mediamente Stanca e sapete cos’ho scoperto? Che il mio nome e cognome non era collegato in alcun modo al mio Blog.

Bene? No, malissimo. Se volete che il Blog vi porti nuove opportunità – di lavoro, di collaborazione, di visibilità, di qualsiasi cosa voi stiate cercando di ottenere – non potete nascondervi dietro a un nome falso. È il vostro nome e cognome (più foto) a dover essere collegato al vostro Blog.

2) Ma io voglio dare visibilità al mio Blog, non a me stessa! 
Sempre nel cercare me stessa e il mio avatar, ho scoperto che era Mediamente Stanca, con la sua foto da cartone animato, a comparire nei commenti che io avevo lasciato sui Blog degli altri.

Bene? No, malissimo. Comparire con il nome del vostro Blog comporta certo una maggiore visibilità per il Blog stesso, ma nessun posizionamento di valore per voi come autore. E se non riuscite a creare un valore attorno al vostro nome, come potete accrescere la vostra credibilità?

3) Vuoi essere un avatar o una persona autorevole?
Da qualche mese è possibile fare in modo che il proprio “profilo autore” sia anche una pagina personale su GooglePlus. Appena creato, il mio profilo recava il solito nome Mediamente Stanca, con la solita fotina da cartone animato. Nessuno avrebbe mai potuto fare un collegamento con la mia vera identità.

Bene? No, malissimo. Avere un profilo GooglePlus è un’ottima opportunità per condividere i propri contenuti. Su GooglePlus sono infatti presenti innumerevoli Community (in pratica sono gruppi tematici) dove ognuno è libero di condividere il proprio parere o semplicemente postare i propri articoli/post/poesie/racconti/foto e quantaltro. E conoscere persone con gli stessi interessi.

E voi? Chi volete che riconoscano come persona autorevole o anche solo interessante? Voi o il vostro avatar?

4) Vuoi creare altri cento Blog? Si può fare!
Capita a tutti di sbagliare. Magari il Blog che avete creato non piace più nemmeno a voi e volete eliminarlo, o trasformarlo. Magari vi sembrava tanto una buona idea e poi? Bah, non siete più così convinti.

Male? No, benissimo. Ora che siete voi l’autore dei vostri contenuti, nessuno vi vieta di abbandonare il vostro Blog e crearne un altro, anche completamente diverso.

Oppure, magari siete anche appassionati di cucina, di pesca subacquea, di arrampicate in montagna, perché non creare un Blog per ogni singola vostra passione?

Ok, probabilmente, poi dovreste smettere di vivere, di lavorare e di dormire per riuscire a stare dietro a tutti sti Blog, ma il punto è che siete voi l’autore, non il vostro avatar, e siete dunque liberi di sperimentare il web nella direzione che più preferite senza, o quasi senza, limitazioni.

5) Sarai tu a godere i benefici del tuo impegno

L’ho tenuto in fondo, ma penso sia il più importante. Ora che sei tu a dirigere e a metterci la faccia, sei anche il responsabile del tuo Blog.

Paura? No, è giusto! Come ha detto Riccardo Esposito in uno dei suoi ultimi webinar: “Il Blog è il tuo partner in affari”.

Ed è vero. Il Blog che tu hai creato non sei tu, è solo un mezzo che ti permetterà di farti conoscere e, se continui a impegnarti e a metterci l’anima, anche di essere apprezzato e riconosciuto nella nicchia alla quale ti rivolgi.

E se poi commetti degli errori? Beh. Poco male. Chiedi scusa e prendila come una grande, imperdibile occasione per imparare!

E voi? Come la pensate?

La foto… l’ho creata io!!!! Un grazie a +cinzia di martino che mi ha fatto scoprire PikMonkey! 🙂

2 pensieri riguardo “5 motivi per cui ho deciso di abbandonare il mio avatar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...