3 consigli semplici per migliorare l’indicizzazione dei contenuti in Blogger

Ormai dovrebbero saperlo anche i muri, quando un contenuto (testo, foto o video che sia) viene pubblicato online, quel contenuto deve sottostare alle regole di indicizzazione di Google.

Questo perché Google è diventato, nel tempo, il principale motore di ricerca, quello che la stragrande maggioranza delle persone utilizza per trovare informazioni sul web.

In sintesi (ma veramente in sintesi!), Google analizza ogni pagina del vostro blog o del vostro sito web, la confronta con le altre pagine e, sulla base di un modo tutto suo di calcolare, mette nelle prime pagine dei risultati di ricerca i contenuti più originali (si accorge se copiate e incollate testi pubblicati da altri) e più vicini alla ricerca fatta dall’utente.

Quindi, se uno cerca “stanco di scrivere un blog”, io compaio tra i primi risultati perché il mio blog si chiama mediamente stanca, perché ho molteplici contenuti che parlano di “scrivere un blog” e perché non ho mai copiato da nessuno.

Ovviamente, come dicevo, è una sintesi della sintesi, perché è tutto molto più complesso di come l’ho banalizzato io.

Ad ogni modo, il vostro compito è agevolare Google in modo che trovi i vostri contenuti, quindi usando (nelle titolo e nelle prime righe del vostro post) le parole chiave con cui vi interessa essere trovati, pubblicando con costanza, in modo che Google continui a “vedervi”, e creando contenuti il più possibile utili e originali.

Ora, se come me avete un blog su Blogger, Google mette a vostra disposizione tre strumenti molto utili, che vi consiglio di utilizzare per indicizzare al meglio le vostre pagine e i vostri contenuti.

1) Le etichette o tag
Come ho già raccontato in un altro mio post, quelle che Blogger chiama “etichette” sono fondamentali per il posizionamento online del vostro blog.

Sono, in pratica, delle parole chiave che vi permettono di raggruppare, in automatico, i vostri contenuti: gli utenti possono navigare per argomento nel vostro Blog e Google “vede” meglio gli argomenti di cui trattate.

Per approfondire:

Leggi Nel Blog come a casa è più facile tenere in ordine che sistemare il caos

2) La Descrizione della ricerca
Altro elemento fondamentale, che vi permette di attirare gli utenti verso i vostri contenuti, è l’attivazione della “Descrizione della ricerca”.

In pratica: avete mai notato che, nei risultati di ricerca di Google, avete un link e due righe di descrizione con la data di pubblicazione?

Ecco, quella descrizione è quella che di solito l’utente legge per decidere se cliccare sul link oppure no, e voi potete personalizzarla per ogni vostro post.

Come fare? Ecco la mia mini-guida!
  • prima di tutto dovete andare nelle Impostazioni del vostro blog, cliccare su Preferenze di ricerca e attivare la prima voce in alto: Descrizione.

 

  • A questo punto inserite una descrizione (è breve, sono solo 150 caratteri) che descriva il vostro blog. Deve essere una frase di senso compiuto, non una serie di parole chiave. Dite di cosa parlate nel vostro blog, senza usare paroloni complicati o caratteri strani.
  • E ora salvate. Adesso cliccate su “nuovo post” e vedrete che, nella colonna di destra del impostazioni, c’è una nuova voce: Descrizione della ricerca, che potrete personalizzare come preferite.
Un’avvertenza: siate sintetici nel fare la Descrizione della ricerca perché tanto Google vi tronca la frase dopo una trentina di parole, quindi è inutile scrivere papiri!
Fate delle frasi semplici, che incuriosiscano il lettore e gli facciano venire voglia di cliccare per andare a leggere.

3) Il link dei vostri post
Quando scrivete un post, sulla destra, avete anche la dicitura “Permalink”. Cliccateci sopra e poi su “Permalink personalizzati”. Come vedete, vi permette di personalizzare il link come preferite voi.

Perché conviene modificarlo? Se io lasciassi il link così come lo genera Blogger in automatico, questo post si chiamerebbe: “3-consigli-semplici-per-migliorare”. Un po’ generico non trovate? Oltre che abbastanza inutile.

Ecco perché l’ho personalizzato con: “blogger-3-consigli-seo-per-indicizzare-i-contenuti”. Penso vada meglio, o no?

Se vi volete cimentare, seguite questi 5 consigli per i personalizzare i link:

  1. Fate sempre frasi che abbiano un senso. Google detesta le liste di parole chiave senza senso compiuto
  2. Fateli brevi (6/7 parole). Io in questo sono negata… non ho proprio il dono della sintesi 😦
  3. Usate le parole chiave con cui volete essere trovati
  4. Fate in modo che ci sia sempre un’attinenza tra il link che scegliete e il titolo del vostro post, altrimenti rischiate solo di confondere Google
  5. Niente caratteri strani, niente parentesi, niente simboli… usate parole semplici divise da trattini.

Come scegliere le parole chiave più adatte? Mai provato Google Trend? 😉

E ora tocca a voi

Conoscevate queste funzioni di Blogger? Le utilizzate già? Fatemi sapere che sono curiosa! 🙂

Nota di redazione

Questo post viene dal mio primo blog, chiuso nel 2016.

2 pensieri riguardo “3 consigli semplici per migliorare l’indicizzazione dei contenuti in Blogger

  1. Accidenti Alice, grazie mille per questo post!!
    Non prendermi per scema ma non ero mai riuscita, fino ad oggi, a trovare una spiegazione su quel benedetto campo Descrizione della ricerca!!!
    E grazie anche per tutte le altre informazioni, veramente molto utili!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...