Come evitare di rimanere senza contenuti per il blog

Quando gestite un blog o un sito web per lavoro, non potete permettervi di rimanere senza contenuti da scrivere. In questo post, vi racconto gli strumenti che io utilizzo per evitare di restare senza notizie e articoli.

La scorsa settimana, su Google+, ho trovato questa domanda: “Cosa fate di solito quando avete un blocco creativo? Sto cercando alternative al solito ascoltare musica (lettore scarico… shame on me)”.

Ho risposto suggerendogli la lettura di un mio post – Vuoi ritrovare la creatività? Allora muoviti! ve lo ricordate? – poi, a forza di pensarci, mi sono resa conto di una cosa.

In questo blog vivo molto “alla giornata”. A volte mi capita di arrivare a casa la sera, di dover scrivere il post per il giorno dopo e non avere nemmeno un’idea.

Allora mi metto a navigare in rete, cerco informazioni, commento i post scritti dagli altri, rileggo i commenti lasciati sul mio blog o su Facebook e, quasi magicamente, eccola: l’idea.
Me lo posso permettere perché questo blog, per me, non è lavoro. Lo considero un luogo di scrittura, di studio, di sperimentazione, di divertimento, di condivisione.
Come ha giustamente detto Rosetta di Leo in un commento al mio post Per portare avanti un blog ci vuole una grande fiducia “Secondo me non ci dobbiamo fare problemi, nel nostro blog possiamo scrivere quello che ci pare, è il nostro! Poi chi ci ama ci segue!”
Ma… se il blog è lavoro… 
Se gestite un blog o un sito web per professione, però, il discorso cambia, e molto. Ci vuole una pianificazione al limite della maniacalità, che vi permetta di creare contenuti sempre nuovi, utili, originali ogni singolo giorno senza dover dipendere dai capricci della vostra creatività.
Se volete che il vostro sito web (o il blog) cresca, così da poter vendere servizi collegati a quel sito specifico, allora dovete accettare il fatto di dover scrivere ogni singolo giorno, di dovervi inventare tanti contenuti, tutti nuovi e tutti utili per il vostro mercato.
Solo che siete esseri umani, non macchine, quindi dovete venire in aiuto alla vostra natura, alla vostra creatività per evitare di rimanere senza contenuti. 
 
Come fare? 
1) Google Alert
Per lavoro gestisco un sito web dedicato a impianti sportivi, piscine, centri benessere. Parliamo di gestione, di progettazione, di costruzione, di manutenzione, di normative, di marketing, di turismo, di disabilità, di mercato, di tecnologie e chi ne ha più ne metta!
Come capirete, l’argomento non è molto… divertente… e di sicuro non ci si può improvvisare perché si tratta di argomenti tecnici e spesso anche molto specialistici.
Quindi, prima cosa: tenersi informati su tutte le ultime novità attivando tutti i Google Alert collegati ai settori che seguite; io ne avrò tipo una ventina, uno per ogni parola chiave che mi interessa tenere monitorata.
Vediamo un esempio: 
  • Cercate una parola che vi interessa e cliccate sul bottone “mostra opzioni”. Come vedete, potete personalizzare moltissimi dati.Inoltre, vedete che sotto vi compare l’anteprima? Se cambiate le impostazioni, cambierà anche l’anteprima… create l’alert solo quando l’anteprima avrà notizie per voi interessanti.

    Potete scegliere se ricevere l’avviso per email oppure tramite Feed RSS, che potete poi inserire in Feedly (vedi punto 2).

2) Feedly
È un sistema utilissimo – disponibile solo su Google Chrome – che vi permette di archiviare tutti i Feed RSS in un’unica pagina web.
Il Feed RSS permette di abbonarsi al sito (o al blog) in modo da ricevere tutti gli articoli scritti giorno per giorno, così da non perdere nemmeno un aggiornamento.
La cosa bella è che gli articoli non vi arrivano per email.
Fate così:
  • Andate su Feedly e cliccate su “LOGIN” in alto a destra e scegliete l’account che preferite.
  • A questo punto andate su un sito che amate, o che vi è utile per lavoro. Cercate il simbolo del Feed RSS e cliccateci sopra.
  • A questo punto, copiate il link che vi compare nel browser e incollatelo nella barra di ricerca di Feedly (in alto a destra nella pagina), vedrete che vi comparirà la miniatura del sito… cliccateci sopra.
  •  Ecco qui il feed, cliccate sul bottone viola “+feedly”
  • Scegliete una categoria e salvate cliccando su “Add”
  • Da questo momento in avanti, ogni volta che accederete a Feedly, vedrete:- al centro la vostra “home” con tutti i nuovi articoli
    – nella colonna di sinistra tutti i siti che seguite divisi per categoria (e la categoria la scegliete voi!).

    Potrete leggere gli articoli, salvarli tra i preferiti, condividerli sui principali Social Network o scegliere di archiviarli (si veda sempre al punto 3!).

  • Esiste anche la App per Tablet e Smartphone… molto, molto utile! 😉
Unico neo: se un sito non ha attivato il Feed RSS, non potete salvarlo dentro Feedly.

3) Archivia tutto, perché tutto torna utile

Avete presente il detto “del maiale non si butta mai via niente”? Ecco, vale lo stesso discorso anche per il web!
Raramente pubblico le notizie che ricevo tramite Google Alert o Feed RSS così come sono. Questo perché non serve a nulla pubblicare una notizia che è già presente su altri siti web; è un contenuto duplicato, che Google etichetta come non utile, quindi non lo indicizza (o meglio, di sicuro non lo mette nelle prime pagine di ricerca).
Quindi? Archiviate! 
Io utilizzo il caro vecchio Excel. Ogni colonna è un contenuto:
  • il settore di riferimento (impianti sportivi, stadi, piscina, finess, wellness, terme ecc.);
  • l’argomento (gestione, progettazione, marketing, finanziamenti, bandi, ecc.);
  • una breve descrizione;
  • link alla notizia originale;
  • mese e anno di pubblicazione della notizia.
Questo mi permette di:
  • tenere monitorate tutte le notizie;
  • accorgermi se ci sono degli argomenti più importanti, che approfondisco con interviste o mini-inchieste che porto avanti nel tempo, creando catene di articoli che si richiamano l’un l’altro e fanno navigare l’utente sul vostro sito;
  • mettere insieme più notizie che trattano dello stesso argomento (tipo: 5 modi innovativi per sfruttare lo stadio, dove ho messo insieme 5 esempi di utilizzo dello stadio, diverso dalle partite, che avevo trovato online nel corso dei mesi).
Ogni volta che mi viene un’idea, la scrivo nell’Excel. Ogni volta che vado a un convegno e incontro qualcuno o trovo un nuovo argomento, lo scrivo nell’Excel.
Ma… le notizie non invecchiano? 
Dipende. Noi non siamo un quotidiano, siamo un sito di approfondimento, che mira a dare consigli, idee, soluzioni, che parla di tecnologia.
Pensate che spetto mi è successo di andare a riguardarmi le vecchie notizie salvate (lo tengo aggiornato da tre anni… immaginate le dimensioni di quel file!) per cercare:
  • vecchi progetti, per vedere se nel frattempo sono stati realizzati
  • leggi e norme che avevano fatto tanto discutere, per vedere se è cambiato qualcosa
  • intervistare nuovamente persone per scoprire, ad esempio, come sta andando la gestione di un centro che ha aperto qualche anno fa
  • approfondire se i soldi del bando tal dei tali sono stati poi assegnati e utilizzati
  • ecc. ecc. ecc.
Sì… è un database di contenuti!
Insomma, è come poter contare su un database di argomenti, di contatti, di contenuti che cresce giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, e che vi permette di avere sempre notizie su cui lavorare.
Altri strumenti che potete utilizzare, per trovare nuovi argomenti, sono Google Analitycs, strumenti per webmaster e Google Trends… però, siccome la faccenda si fa un po’ tecnica, beh, mi sa dovrete aspettare il prossimo post! 😉
E voi? 
Quali tecniche, strumenti e metodi utilizzate per non rimanere senza contenuti?

Se l’argomento ti interessa, ho scritto anche:

7 pensieri riguardo “Come evitare di rimanere senza contenuti per il blog

  1. utilissimi e da seguire i tuoi consigli molto specifici. Anche io comunque mi ispiro spesso cercando spunti in rete e rubacchiando soprattutto stile e modalità , anche se poi ognuno di noi segue una linea personale
    seguendo dunque i tuoi consigli si semplificano dei passaggi
    buona settimana
    simonetta

    "Mi piace"

  2. Ciao cara Barbara. Sai che è proprio vero? Mi rendo conto solo ora che, se ho questa confidenza con i programmi e con i sistemi web, è perché, in pratica, ci vivo a stretto contatto ogni singolo giorno per lavoro e per piacere. Quindi grazie di questo tuo commento, mi dai da riflettere… 😀

    "Mi piace"

  3. Ciao Alice,
    ottimo articolo, in effetti sono tutti strumenti che utilizzo quotidianamente per mantenere sempre sotto controllo gli aggiornamenti di un dato argomento.
    In questo modo si possono ottenere idee su idee per articoli nuovi, freschi e di valore, e capire se argomenti che a prima vista ci appaiono originali sono invece abusati.
    Ciao

    "Mi piace"

  4. Ilario ciao! Mi ero persa il tuo commento! Che disgraziata che sono!
    Comunque, grazie, anche se in ritardo! Se hai altri strumenti da segnalare, fai pure, sai che sono sempre pronta a sperimentare nuovi sistemi, programmi ecc.
    Un grande abbraccio e torna a trovarmi, giuro non mi perdo piu' i tuoi commenti! 😀

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...