Mettere ordine online per ritrovare voi stessi

1b2eb-home-office-569153_640

In questi giorni volevo scrivere, avevo un sacco di idee che mi ronzavano in testa e che avevano voglia di uscire, e poi… poi mi sono messa a riordinare! Non in casa, eh, ma in tutti i miei profili sui Social Network.

Ogni tanto è fondamentale mettere in ordine, per scrivere meglio, per lavorare meglio, per accedere alle fonti in maniera più efficace e perdere meno tempo dietro a quel rumore di fondo che chi lavora online conosce fin troppo bene.

Come avrete forse immaginato, non ho messo ordine in casa (anche se ce ne sarebbe bisogno!)… ho riordinato i miei profili sui Social Network.

Ho smesso di seguire i profili di Twitter che non mi interessano più, ho diviso meglio le persone che seguo (sia su Twitter sia su Facebook), distinguendole in liste ragionate, ho sistemato – per la terza volta da quando ho aperto il blog – le categorie in cui ho suddiviso i miei post e ho ripulito Feedly, eliminando le fonti che per un motivo o per un altro non mi interessano più.

Che cos’è Feedly? È un aggregatore di Feed RSS, ovvero una piattaforma online dove puoi raggruppare tutti i siti, i blog, gli alert e le news feed che segui.

Io lo uso moltissimo sia per motivi personali – seguo tantissimi blog ed è comodo poterli ritrovare tutti sulla stessa schermata – sia per motivi di lavoro (al momento sono in fase esplorativa sul mercato della morte e della cremazione…).

>>Su come usare Feedly, l’articolo meglio scritto in assoluto è quello di Mario Zarrillo.<<

Abbinati a Feedly, uso:

  1. Evernote, che mi permette di salvare tutti gli articoli che trovo interessanti e sui quali pianifico di pubblicare dei post sul mio blog.
  2. e ovviamente Pinterest – dove salvo gli articoli che mi hanno insegnato qualcosa.

Mi sono dedicata alla sistemazione della mia presenza online perché sto leggendo un libro: Perché la rete ci rende intelligenti, di Howard Rheingold, un libro che, vi giuro, mi ha fatto sentire in… difetto.

È un libro che mi ha prestato mio padre credo ormai due anni fa e temo dovrò comprargliene una copia nuova; ormai è costellato di orecchie, sottolineature, appunti, note a margine… insomma, impossibile ridarglielo!

Si tratta di un libro illuminante, pieno zeppo di riflessioni sulle potenzialità/opportunità del web, sui rischi che si corrono utilizzando la rete in modo superficiale e sul ruolo che le scuole e le istituzioni dovrebbero avere nel rendere i giovani (e non solo loro) più consapevoli sul mondo online.

Ve ne parlerò meglio appena avrò finito la lettura. Per il momento, vi basti sapere che mi sono sentita in dovere di mettere ordine nei miei Social e negli strumenti che utilizzo per lavoro e per il blog… perché l’utilizzo intelligente della rete inizia proprio da questo: la razionalizzazione delle proprie fonti.

Nel mettere ordine, soprattutto su Twitter, mi sono resa conto di quanto io sia cambiata, nel corso del tempo. Seguivo persone che non rispecchiavano più i miei interessi, persone che non pubblicavano più da tanto tempo e nemmeno me ne ero accorta… perché non sono cambiata solo io, anche gli altri cambiano; cambiano lavoro, cambiano interessi, smettono di pubblicare sui loro blog, cambiano… come cambiamo tutti, giorno dopo giorno.

Fa bene, ogni tanto, mettere ordine tra le persone che seguite online – che siano i preferiti del vostro PC, gli amici di Facebook, le pagine alle quali avete regalato il vostro “mi piace”, le persone che seguite su Twitter ecc. ecc.

Sistemare significa analizzare, significa guardare agli altri e a voi stessi con occhi nuovi, mettere tutto in discussione – voi e gli altri – e vi assicuro dopo ci si sente diversi… più simili all’immagine che vi state costruendo attorno.

Insomma, una bella revisione per ritrovare voi stessi… o magari per trovarvi. Dipende da casi. 😉

E voi? 

Quando è stata l’ultima volta che avete messo mano ai vostri profili online?

PS: ovviamente non ho finito, devo ancora sistemare tutto LinkedIn… mi porterà via un saaaacco di tempo perché è il Social Network che ho trascurato di più in assoluto, ma sono certa ne varrà la pena. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...