È più importante vivere o condividere?

vivere-o-condividere

Ieri sera sono capitata su un canale TV di musica non stop nel momento in cui passava la canzone Vorrei ma non posto di J-AX e Fedez e, per la prima volta, mi sono soffermata ad ascoltare il testo…

L’avevo etichettata come la classica canzone furbetta, di quelle che fanno uscire appositamente nel periodo estivo perché diventino dei tormentoni.

E, almeno in parte, lo è anche. Ritmo orecchiabile, coretti simpatici, ritornello che ti entra in testa e non se ne va più, anche perché lo senti di continuo, visto che è stato astutamente inserito in una pubblicità (non mi ricordo quale, ma la trasmettono di continuo!).

Ad ogni modo, ieri sera – non so perché – mi sono fermata ad ascoltarla e ho scoperto che, sotto la musichetta volutamente estiva e orecchibile, il testo è decisamente… condivisibile.

Ve ne riporto alcune strofe (la canzone è Vorrei ma non posto di J-AX e Fedez):

“E poi, lo sai, non c’è
Un senso a questo tempo che non dà
Il giusto peso a quello che viviamo
Ogni ricordo è più importante condividerlo
Che viverlo
Vorrei ma non posto”

E ancora…

“E come faranno i figli a prenderci sul serio
Con le prove che negli anni abbiamo lasciato su Facebook
Papà che ogni weekend era ubriaco perso
E mamma che lanciava il reggiseno ad ogni concerto
Che abbiamo speso un patrimonio
Impazziti per la moda, armani-comio
L’iphone ha preso il posto di una parte del corpo
E infatti si fa gara a chi ce l’ha più grosso”

E infine…

“Tutto questo navigare senza trovare un porto
Tutto questo sbattimento per far foto al tramonto
Che poi sullo schermo piatto non vedi quanto è profondo
Tu non sai quanto soffro
Vorrei ma non posto”

Nell’ascoltarla, mi è tornata in mente Giudizi Universali, di Samuele Bersani. Sì, sì, lo so, è tutto un altro genere e tutta un’altra “profondità”, però mi interessa farvi notare che lui cantava:

“Potrei ma non voglio
fidarmi di te
io non ti conosco
e in fondo non c’è
in quello che dici qualcosa che pensi
sei solo la copia di mille riassunti”

ecc… ecc…

La canzone di Bersani mi ha fatto riflettere sulla differenza di senso  tra il “Vorrei ma” e il “Potrei ma“.

Provate a pensarci. Se Bersani avesse cantato: “Vorrei ma non posso fidarmi di te”, il senso sarebbe stato completamente diverso, perché dietro a quel “vorrei” ci sarebbe stato un sentimento, un desiderio, bloccato dal “non posso”.

J-AX e Fedez non cantano “Potrei ma non posto”, cantano “Vorrei ma non posto”. C’è il desiderio dentro quel vorrei, c’è la tentazione, c’è il gesto della mano che istintivamente cerca l’iphone per fotografare tutto, per condividere tutto, ma qualcosa interviene e il gesto viene bloccato.

Non so voi, ma io riesco a capirli molto bene. Come loro, io sono nata e in gran parte cresciuta senza internet e provo ancora un senso di attaccamento e in parte di nostalgia per quel mondo, un mondo dove era più importante vivere i momenti che condividerli.

E allo stesso tempo sono tentata da questo nuovo modo di vivere, dalla necessità di condividere tutto in ogni momento, alla ricerca di una conferma se quello che sto mangiando, guardando, leggendo, indossando ecc. incontra o meno l’approvazione degli altri.

Me ne rendo conto perché lo sento: sento l’istinto, ad esempio, di fotografare qualcosa che mi colpisce e condividerla subito. Però non lo faccio.

E non lo faccio perché in realtà baro. Come alcuni di voi sapranno, ho un cellulare che telefona e basta, e ho un tablet che uso solo wifi, quindi quando sono fuori di casa, io sono scollegata.

Quindi sono anch’io una “Vorrei ma non posto”, ma non so come mi comporterei se avessi a disposizione un qualsiasi mezzo di condivisione.

Quello che voglio dire è che penso stia diventando ogni giorno più difficile possedere uno SmartPhone e tenerlo in tasca, resistendo alla tentazione di postare ogni singolo momento delle nostre vite.

E devo ammettere che non so bene a quale conclusione arrivare.

Quali conseguenze avrà il fatto di poter appagare senza problemi il desiderio che abbiamo di condividere tutto quello che ci passa per la testa e davanti agli occhi? Oltrettutto considerando che la condivisione avviene con una rete sempre più vasta di persone semi-conosciute e sconosciute…

È proprio vero che condividere un momento significa non viverlo? Oppure sono solo due modi diversi di vivere?

E avere sempre tutto a portata di mano? Ci renderà meno preparati ad affrontare situazioni e imprevisti? (Penso ad esempio al fatto che, se una volta ci si perdeva in un luogo sconosciuto, dovevi sperare o di avere una qualche mappa abbandonata in auto oppure di incontrare qualcuno a cui chiedere, altrimenti eri spacciato!)

E ancora: è salutare essere diventati dipendenti dall’approvazione degli altri, a tal punto che la nostra autostima si sente rinvigorita se riceviamo tanti “like” e ci rimaniamo male se invece ne otteniamo pochi o, peggio, nessuno?

Sinceramente non ho risposte a queste domande, però se volete esprimere il vostro parere, ne sarò felice…

Un pensiero riguardo “È più importante vivere o condividere?

  1. Cara Alice, l'argomento in questione è interessante e molto vasto quindi, per non dilungarmi troppo, esprimo il mio pensiero sull'ultima domanda. Non trovo per nulla salutare essere dipendenti dall'approvazione degli altri e nel mio caso, non aumenta la mia autostima (ovvio che parlo di post). Per me condividere tutte le mie cose, anche private, con una moltitudine di persone, che in molti casi nemmeno conosco, mi da fastidio (non trovo un termine più appropriato). Credo che le persone a me più care, non abbiano necessità di vedere postato ogni mio momento o pensiero per conoscermi, capirmi e volermi bene e questo mi basta. Poi, ovviamente ogni persona agisce in base al proprio carattere….

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...