Metafore di vita nei mezzi di trasporto

Alcuni di noi sono come i treni: sfiorano di continuo la collisione, eppure non smettono di cambiare binario, alla ricerca di quello giusto, quello che finalmente li porterà all’agognata “destinazione felicità”, dove si sentiranno – infine – al sicuro.

Altri sono come i camion: pur di superare e passare avanti, creano lunghe file nella corsia di sorpasso, tagliano la strada agli altri, che frenano macinando insulti. Ostinati e testardi, non si fermano davanti a niente e a nessuno.

Altri ancora sono come le auto ferme davanti a un passaggio a livello chiuso: gli occhi fissi a guardare avanti, senza poter fare altro se non aspettare, in attesa che si rialzino le sbarre e che la luce verde del semaforo dia loro il permesso di ripartire.

Altri ancora sono come le biciclette: incuranti delle indicazioni e dei segnali stradali, passano con il semaforo rosso, si infilano tra macchine, autobus, motorini e altre biciclette, procedono contromano; la vita è tutta loro, l’altro non conta.

Altri, infine, assomigliano agli autobus: vanno più veloci del limite consentito, superano anche quando non è permesso, si prendono la precedenza anche se non ce l’hanno, forti nel loro essere “più grossi”, “più rumorosi”, “più pesanti”.

In queste metafore di vita e di mezzi di trasporto, io preferisco andare a piedi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...