Sapete ancora prendere appunti?

Quando lavoravo per la casa editrice, durante un convegno, vidi un giornalista che lavorava per Telecentro (adesso non saprei, sono uscita da quel settore e non ho più avuto contatti).

Mi colpì perché rimase in piedi per tutto il tempo, prendendo appunti in modo convulso, scrivendo anche negli angoli dei fogli che aveva a disposizione, sperando di riuscire a farci stare tutte le parole di cui aveva bisogno.

Io ero seduta. Comoda no, ma ero seduta, e registravo tutto con il Tablet; per tutta la durata del convegno, avere preso sì e no un paio di note.

Nell’osservarlo, mi sono resa conto che lui rappresentava un modo di fare giornalismo che io ho conosciuto solo di sfuggita, grazie a Ruth.

Ruth è una mia ex-collega, nonché la persona che mi ha insegnato il lavoro di redattore. Lei aveva iniziato a lavorare in casa editrice quando ancora c’erano le macchine da scrivere e ci raccontava spesso come funzionava il lavoro “prima”.

Prima dei computer, e prima delle email, il materiale per gli articoli veniva richiesto al telefono (in Italia) oppure tramite lettera (all’estero) e poi si aspettava. Si aspettava che arrivassero le informazioni – scritte a mano sui fogli – e le fotografie, sotto forma di diapositiva.

In ufficio c’era ancora un lettore portatile di diapositive, che un tempo veniva usato per guardare le foto e scegliere le migliori, che poi si facevano sviluppare e stampare nell’articolo.

Quando sono arrivata io, di questo modo di lavorare non era rimasto nulla, solo i racconti di Ruth e il suo modo di fare le interviste telefoniche: Ruth teneva la cornetta incastrata tra l’orecchio e la spalla e intanto scriveva, riempiendo pagine su pagine di appunti, che poi trasformava in un articolo usando il computer.

Io non so se sono più capace di prendere appunti.

Lo facevo a scuola, poi all’Università, l’ho fatto qualche mese durante il mio primo lavoro, poi sono passata ai registratori e, forse, ho perso quell’abilità di ascoltare, scrivere e sintetizzare che il prendere appunti ti insegna.

E, da brava nostalgica, un po’ mi dispiace…

E voi?

Cosa ne pensate? Prendete ancora appunti, oppure vi affidate ai registratori?

Foto di difisher da Pixabay

Un pensiero riguardo “Sapete ancora prendere appunti?

  1. Io scrivo ancora tutto a mano, lavoro nel web da 20 anni ma sono piena di quaderni e notes pieni di appunti. A volte non li rileggo quasi mi basta scriverli per memorizzarli. Ho usato il registratore solo all’università ma poi vedevo che mi ero già scritta i tratti più importanti delle lezioni e ho smesso di registrare e sbobinare 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...