La pelle d’oca quando scrivo

C’è sempre un momento. Un momento in cui, mentre sto scrivendo, mi viene la pelle d’oca. E sono arrivata a chiedermi: da dove scaturisce tanta emozione? 

Per farvi capire, vi faccio due esempi. 

Mi succede quando scrivo un articolo difficile

Dopo il lungo processo di raccolta del materiale (vaglio e selezione delle fonti, interviste agli esperti, ricerca di approfondimenti e di esperienze), mi ritrovo a creare qualcosa di nuovo, che prima non c’era, e che nasce da

È un processo di elaborazione e di sintesi che ho imparato e affinato nel corso del tempo e, quando mi rendo conto che ogni informazione raccolta trova il suo spazio e che l’articolo sta riuscendo, e che mi sta riuscendo bene, eccola comparire: la pelle d’oca.

E vi assicuro mi succede sempre e da sempre. Mi succedeva quando scrivevo articoli sull’impiantistica sportiva (di cui non mi è mai importato nulla) e mi succede ora che li scrivo sulla cremazione e la morte (che trovo di grandissimo interesse).

Mi succede quando scrivo una poesia

A volte, le poesie nascono da sole. Come canta Vasco: “Vengono fuori già con le parole. […] E a noi non resta che scriverle in fretta, perché poi svaniscono e non si ricordano più”.  

A volte, invece, tra l’appunto preso sul quaderno e la versione definitiva di una poesia, ci vogliono mesi, a volte persino anni, di cancellazioni, revisioni, limatura di parole e di versi e di periodi e di titoli…

Il mio record personale è una poesia iniziata nel marzo del 2000 – era appena un verso scarabocchiato dopo una notte infernale – e finita in giugno 2019!

In un caso o nell’altro, quando mi rendo conto che è nata una nuova poesia, arriva sempre, immancabile, la pelle d’oca. 😉

Sono quindi arrivata a una conclusione: non è quello di cui scrivo, è il processo di creazione che mi emoziona. Sarò mica blasfema, che dite? :O

E voi?

Che cosa vi emoziona tanto da farvi venire la pelle d’oca? Vi viene quando scrivete/dipingete/create qualcosa? Perché?

***

Foto di OpenClipart-Vectors da Pixabay

Un pensiero riguardo “La pelle d’oca quando scrivo

  1. Io non ho la pelle d’oca sinceramente. E scrivo molto, moltissimo anche io. Le emozioni non sono fisiche ma sono emotive. Gioia, rabbia, felicità, soddisfazione… l’elenco è ancora lungo. Ma tutto ciò di fisico non mi capita: posso avere una bomba atomica nel cervello ma il mio fisico è impassibile davanti alla felicità di scrivere… Poi quando esco dal computer urlo, canto e salto ma questa è un’altra storia…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...