Tipi da Coronavirus

Ovvero: cinque modi in cui reagiamo al Coronavirus e alla reclusione forzata in casa.

Sicuramente anche voi avrete notato che ognuno di noi reagisce alla reclusione da Coronavirus in modo differente.

Analizzando i post su Facebook, leggendo gli articoli pubblicati online e parlando (al telefono) con famigliari e amici, sono arrivata a categorizzare:

5 tipi da Coronavirus

1. Quelli che guardano il lato positivo

Sono in tanti a pensare che questo virus abbia fatto anche del bene. Non c’è traffico, c’è meno inquinamento atmosferico e acustico, abbiamo più tempo per noi e per i nostri figli, possiamo ritrovare un ritmo più lento, più sereno, più umano.

Il problema è: impareremo davvero qualcosa? Quando l’emergenza sarà finita, il nostro modo di vivere cambierà? O ritorneremo a inquinare l’aria che respiriamo, a turni di lavoro massacranti che ci tengono lontani dalla famiglia e dagli affetti?

Ai posteri l’ardua sentenza.

2. Quelli che approfittano del tempo libero per…

C’è chi legge, c’è chi scrive, c’è chi riordina e pulisce casa, c’è chi cucina, c’è persino chi fa ginnastica. Da una parte, sono tutti modi per tenerci occupati perché, diciamocelo, non siamo molto abituati a stare soli con le mani in mano.

Dall’altra parte, ci sentiamo quasi in dovere di fare qualcosa. Abbiamo sempre detto: “Se avessi tempo, farei…” e ora che è arrivata la nostra occasione, vuoi non approfittarne?

3. Quelli che vivono online

Si riconoscono subito perché pubblicano sui Social ogni singolo pensiero, ogni singolo momento delle loro giornate. Alcuni erano così anche prima del Coronavirus: postavano mentre si alzavano, mentre uscivano di casa, mentre stavano al lavoro, mentre uscivano con gli amici.

Che lo fossero anche prima, o che lo siano diventati, questo comportamento penso nasca da un desiderio profondo di contatto umano, di condivisione e di approvazione, che la reclusione in casa ha certamente acuito e generalizzato.

4. Quelli che vivono nel terrore

Vivono nel terrore di ammalarsi, di essere portatori della malattia e diffondere il contagio al resto della famiglia. E così hanno il terrore di toccare qualsiasi cosa, di essere anche solo sfiorati da qualcuno.

E come dare loro torto? Ogni giorno è uno stillicidio di notizie terrorizzanti, per non parlare delle notizie false che girano online e che peggiorano solo la situazione.

5. Quelli che ogni scusa è buona per uscire di casa

Online è pieno di notizie di gente che, pur di uscire di casa, si mette in fila alle Poste, anche solo per avere la stampa degli ultimi movimenti. Gente che esce di notte per andare a recuperare il caricabatterie a casa di un amico.

Gente che inizia seriamente a pensare di portare a spasso il gatto. Ho anche visto la foto di un tizio, a Bologna, con un maiale al guinzaglio, ma non so se fosse vera. Una cosa è certa: l’inventiva non ci manca…

E voi?

Io sono sicuramente tra “Quelli che approfittano del tempo libero per…”. E voi? Vi riconoscete in una di queste categorie? O appartenente a una sesta categoria che non ho notato? 🙂

Foto di Wortflow da Pixabay

3 pensieri riguardo “Tipi da Coronavirus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...