Viaggio musicale nei ricordi

Time – Pink Floyd

Quando mio padre ancora lavorava da dipendente, la domenica era il giorno sacro per eccellenza. Si metteva seduto in poltrona, in salotto, con un libro tra le mani e la musica dei Pink Floyd a tutto volume.

Quando iniziavano le note della canzone Time, mio fratello si metteva sdraiato per terra, davanti allo stereo. Diceva che quella era la posizione migliore, che si sentiva inondato dalla musica. 

Mia mamma, dalla cucina, urlava: «Enzo! Vuoi abbassare un po’? Ho mal di testa!» E mio padre urlava di rimando: «Non è poi così alto!», poi però si alzava e abbassava di qualche decibel.

Samarcanda – Roberto Vecchioni

Quando mio fratello era piccolo, un amico di famiglia gli aveva regalato tutti i Lego che possedeva da bambino. Non sto parlando di qualche scatola, ma di un baule intero pieno zeppo di mattoncini.

Per lavarli, mia mamma li aveva rovesciati nella vasca e i Lego erano rotolati lungo il bordo, riempiendola per metà, producendo un suono come quando i sassi vengono sfiorati dalla risacca del mare.

Mio fratello era fuori di sé dalla gioia! Tanto che, rientrato in camera, si era messo a cantare, ballare e saltare – e io con lui. Ricordo ancora la canzone che usciva dal nostro stereo: era Samarcanda, di Roberto Vecchioni.

Hanno ucciso l’uomo ragno – 883

Camera mia, Lisa e io siamo bambine e ci mettiamo in testa di creare un balletto – una sorta di coreografia – per la canzone Hanno ucciso l’uomo ragno degli 883.

Perché proprio quella canzone, non saprei. Era divertente, le parole si prestavano al gioco e poi, a forza di ascoltarla, ne conoscevamo il testo a memoria… o forse fu un caso, chissà.

Per nostra somma fortuna, a quel tempo non esistevano SmartPhone o Tablet, quindi non c’è il rischio che riemerga dai meandri di Google il video! Ci sarebbe da sotterrarsi per l’imbarazzo! 😉

The Rhythm Is Magic – di Marie Claire D’Ubaldo

Parcheggio del Carrefour, diciotto anni da compiere. Ero in macchina con il mio migliore amico, neopatentato – per dovere di cronaca, io ero innamorata alla follia, lui guardava tutte tranne me.

A un certo punto, mentre sta parcheggiando, si distrae perché alla radio parte la colonna sonora del film Il Ciclone; neanche a dirlo, ogni volta gli tornava in mente la mitica scena della ballerine di flamenco.

Allunga una mano, alza il volume, e mentre parte “Rhythm is a power of creation” ed ecco che sentiamo SBAM!

Era andato a sbattere contro la macchina dietro! Per fortuna o per miracolo, neanche un graffio! Una cosa vi assicuro incredibile!

Ne abbiamo riso per anni.

Giudizi Universali – Samuele Bersani

Quarta Liceo, eravamo in viaggio studio al “Convegno Pirandelliano”, sedute in fondo al pullman: Sara, Manuela e io. Non so bene per quale motivo, stavo insegnando loro le parole di “Giudizi Universali” di Samuele Bersani.

A un certo punto abbiamo cominciato a storpiare il ritornello, inventando le parole per adattarle ai ragazzi che ci piacevano e che, ovviamente, non ci guardavano neanche da lontano.

Cantavamo a squarciagola, stonando come se non ci fosse un domani, incoscienti di dare fastidio a tutto il resto del pullman e ignare del significato della parola “vergogna”.

Ligabue – Articolo 31 – Take That

Ultima scena, evocata dalla precedente: Lisa, Elisa e io. Tredici anni al massimo. Sedute sulle tribune del campo da calcio a Ceretolo. Non guardavamo la partita, non ci fregava niente del gioco.

Stavamo sedute lì e ci insegnavamo le canzoni a vicenda. Elisa ci insegnava le parole delle canzoni di Ligabue, io insegnavo loro quelle degli Articolo 31 e Lisa – già più internazionale di noi – si avventurava nei testi dei Take That.

Voi non mi crederete, ma quei testi li ricordo ancora a memoria, come se fossero marchiati a fuoco.

In calce…

A questa carrellata di ricordi sonori, aggiungo:

Foto di whoalice-moore da Pixabay

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...