Un mondo senza abbracci

Ieri, Andrea e io siamo scesi in strada per lasciare i sacchi della raccolta differenziata. Ho aperto il portone d’ingresso e mi sono trovata davanti la nostra vicina di casa, che voleva entrare nel momento in cui noi volevamo uscire.

Appena ha visto che eravamo sovraccarichi di sacchi, si è subito allontanata, mettendo un metro di distanza tra noi e lei; poi è rimasta lì, paziente, in attesa che noi finissimo di lasciare i sacchi e rientrassimo nel palazzo.

Il suo allontanarsi mi ha fatto riflettere.

Ho capito che, almeno per un po’ di tempo, i nostri rapporti umani saranno condizionati da questa “distanza regolamentare” e non posso fare a meno di pensare che sia infinitamente triste.

Voglio dire, se domani dovessi incontrare un’amica, camminando per strada, non potrei abbracciarla, non potrei nemmeno stringerle la mano. Dovremmo stare a distanza, mascherina e guanti, a sorriderci con gli occhi.

Se incontrassi i miei genitori, o mio fratello o i miei nonni, dovrei salutare così anche loro, vi rendete conto? Sarebbe talmente surreale che ringrazio siano mesi che non ho contatti con nessuno (a parte Andrea).

Questa distanza, alla quale dobbiamo tenere anche le persone che amiamo di più, mi sconvolge, molto di più dell’obbligo di stare chiusa in casa, o del dover avere un “valido motivo” per uscire.

Non so voi, ma io non sono preparata a vivere in un mondo senza abbracci… 

Foto di bruce lam da Pixabay

3 pensieri riguardo “Un mondo senza abbracci

  1. Cara Alice, ho letto il tuo scritto con le lacrime😥 Sono due mesi che non vedo mio nipote e ne soffro tantissimo! Lui ogni giorno mi salutava con un bacio, anzi a volte due. Che mancanza!! Lo vedrò la prossima settimana e penso con ansia come sarà. L’istinto mi direbbe di abbracciarlo e baciarlo, la ragione dice no😪. Mi figlia la vedo una volta a settimana, con mascherina, guanti e distanza. Tutto così innaturale che quasi spaventa. Speriamo finisca presto, ma credo che in ognuno di noi resterà per parecchio questo timore della vicinanza. Un abbraccio virtuale.

    Piace a 1 persona

    1. Sì, capisco bene il conflitto mente-cuore! Non so proprio come reagirò quando rivedrò i miei nonni… o i miei genitori, mio fratello, la mia migliore amica… dovrò comunque tenerli a distanza? Non potrò riabbracciarli per il rischio di contagio? Lo trovo semplicemente straziante. 😦
      Ricambio l’abbraccio virtuale di tutto cuore.

      "Mi piace"

  2. Già… Anche a me mancano gli abbracci… La maggior parte delle persone riuscirò a mantenerla a distanza senza troppi problemi anche i miei genitori… Ma c’è qualcuno che mi manca davvero sbracciare… E forse non lo so, quando rivedrò una amica in particolare (chissà quando dato che vive in un altra regione) non so se riuscirò a stargli alla larga… Quindi, forse è meglio continuare a non vederla…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...