Una passeggiata tra fiori e parole

L’ultima volta che siamo stati nella nostra casa in campagna, Andrea e io, era febbraio: i campi erano di un marrone rossiccio, i rami spogli, quasi scheletrici.

Poi è arrivata la neve, che ha coperto tutto di bianco e di ghiaccio, e siamo tornati a vivere in città, dove gli spostamenti erano più semplici.

A distanza di poco più di un mese, in occasione della Pasqua, siamo tornati “quassù” e sono rimasta senza parole.

Non eravamo mai stati in questa casa a inizio aprile, quindi non mi ero mai resa conto con quanta rapidità la natura sbocciasse.

È trascorso più di un mese e tutto si è già trasformato. I prati sono di un colore verde intenso, inframmezzato da puntini gialli, bianchi, rossi, viola, blu e gli alberi sono stracarichi di fiori. Approfittando del sole, sono andata a fare una passeggiata ed ero sempre ferma a fotografare. 😉

Camminando, fotografando fiori e pensando all’ultima volta che siamo stati qui, agli alberi spogli che ora sono pieni di magnifici fiori, mi sono resa conto che, a volte, ci ritroviamo senza parole da scrivere, in un silenzio assoluto che assomiglia molto agli alberi secchi, senza foglie, senza vita.

Ma è solo un silenzio temporaneo, solo una morte apparente; a un certo punto le parole tornano a sbocciare, un fiore accanto all’altro, ed è come se non se ne fossero mai andate.

E allora ho capito. Ho capito che sono magnifici i silenzi, così come sono magnifiche le parole.

2 pensieri riguardo “Una passeggiata tra fiori e parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...