Un libro per chi ama i libri

«Chi può sapere per quali mani siano passati i volumi che ho in negozio? Mani di ogni genere, senza dubbio: dai sacerdoti agli assassini. Per alcuni la storia che si nasconde dietro un libro usato è un mistero che emoziona e accende l’immaginazione.»

Il libro da cui ho tratto questa citazione è Una vita da libraio, di Shaun Bythell. Un libro dedicato ai libri, ambientato in uno dei luoghi per me più magici al mondo: una libreria dell’usato.

La narrazione copre un anno di vita dell’autore e si configura come un diario in cui Shaun racconta personaggi e avvenimenti della sua libreria con una vena di ironia che mi ha divertito e coinvolto dalla prima all’ultima pagina.

Già nel corso della lettura, mi sono ritrovata a consigliarlo a tutte le persone con cui ho parlato e, appena finito, non vedevo l’ora di scrivere questa recensione (cosa che non faccio praticamente mai; in otto anni di blog, è la seconda recensione* che scrivo e io leggo tanto, ma proprio tanto).

Di questo libro mi è rimasto impresso (a parte l’ambientazione):

  1. La capacità dell’autore di delineare i personaggi con pochi e semplici dettagli: “l’affascinante sommergibilista in pensione”, il “tizio fischiettante con la coda di cavallo e un cappello”, il compaesano con il “leggiadro nomignolo di Archibald il Torvo”.
  2. La sua capacità di rendere indispensabile alla narrazione un personaggio odioso: Nicky. «Sciatta come una zingara», svogliata, irritante ai massimi livelli, è la commessa che nessuno vorrebbe avere in negozio. E, allo stesso tempo, è: «Necessaria al mio negozio tanto quanto i libri, senza di lei questo posto perderebbe gran parte del suo fascino».
  3. Le molteplici iniziative per coinvolgere i clienti e gli avventori della libreria. Cito:
  • Invitare i clienti a farsi filmare mentre leggono un brano dal loro libro preferito (che poi postano online sui propri Social).
  • Un festival letterario, organizzato con il coinvolgimento di tutto il paese.
  • L’affitto di una stanza, al piano di sopra, per corsi di varia natura (tipo il laboratorio d’arte delle “vecchiette”).
  • Il Random Book Club (in pratica: le persone si iscrivono, pagano una quota fissa e, una volta all’anno, ricevono libri scelti dal librario).
  1. La quantità innumerevole di citazioni e riferimenti ad altri libri. Ne parla con tanta passione che, è inevitabile, ho già comprato tre libri (uno di carta e due ebook) e mi sono scaricata – sul Kindle – otto diversi estratti.

In definitiva: un libro per chi ama i libri.

*Per chi fosse interessato, ho scritto anche:

Passa la vita, vuoi che non passi un giorno?

Recensione del libro Il taglio del bosco di Carlo Cassola

4 pensieri riguardo “Un libro per chi ama i libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...