Di ciclamini e di euforica libertà

Ieri, nel corso della mia solita passeggiata, sono passata attraverso il bosco sotto la chiesa di San Lorenzo in Collina.

In mezzo all’erba che tende a seccarsi, il sottobosco era pieno ciclamini in parte coperti dalle foglie gialle e marroni che iniziano a cadere.

Pur di fotografarli mi sono inoltrata tra i rovi e ho reso felici un bel po’ di zanzare che non si aspettavano di certo di essere tanto fortunate. 😉

Continua a leggere “Di ciclamini e di euforica libertà”

Polenta e lacrime

Mercoledì sera mi è venuta una voglia improvvisa e incontenibile di polenta.

Sarà che la sera, quassù in collina, c’è già una bella arietta frizzante che mi fa pensare all’autunno. Sarà che sono entrata in modalità Alto Adige (tra circa una settimana partiamooooo). Sarà quello che sarà, mi è venuta una voglia matta di mangiare polenta e l’ho preparata per cena.

Continua a leggere “Polenta e lacrime”

Vivere e morire in questo modo

Fast car di Tracy Chapman è una delle mie canzoni preferite. Mi ricorda la mia infanzia: i miei genitori la ascoltavano spesso a casa nostra, bisticciando sul volume perché per mio padre non era mai abbastanza alto e per mia madre era meglio non disturbare tutto il vicinato.

Dicevo. Fast car di Tracy Chapman è una delle mie canzoni preferite, ma non mi ero mai preoccupata di chiedermi di cosa parlasse e l’ho sempre cantata del tutto ignara del testo, storpiando le parole come mio solito.

Continua a leggere “Vivere e morire in questo modo”