Vivere e morire in questo modo

Fast car di Tracy Chapman è una delle mie canzoni preferite. Mi ricorda la mia infanzia: i miei genitori la ascoltavano spesso a casa nostra, bisticciando sul volume perché per mio padre non era mai abbastanza alto e per mia madre era meglio non disturbare tutto il vicinato.

Dicevo. Fast car di Tracy Chapman è una delle mie canzoni preferite, ma non mi ero mai preoccupata di chiedermi di cosa parlasse e l’ho sempre cantata del tutto ignara del testo, storpiando le parole come mio solito.

Continua a leggere “Vivere e morire in questo modo”

Lapsus musicali

Di recente ho cominciato a fare caso ai miei personali lapsus musicali e mi sono resa conto che nascondono tanto di me, del mio modo di essere e di vedere il mondo.

E mi sono chiesta: succede solo a me di scivolare sempre e quasi inevitabilmente negli stessi lapsus oppure succede anche agli altri?

Quindi… ecco a voi i miei 4 lapsus musicali più ricorrenti. 🙂

Continua a leggere “Lapsus musicali”

Povera patria

Non credo che qualcuno possa raccontare, meglio di quanto non abbia già fatto Franco Battiato nel 1991, quello che stiamo vivendo in Italia (con un governo che non esiste) e nel mondo (con un dittatore smanioso di potere).

«Povera patria / Schiacciata dagli abusi del potere / Di gente infame che non sa cos’è il pudore / Si credono potenti e gli va bene quello che fanno / E tutto gli appartiene».

«Tra i governanti / Quanti perfetti e inutili buffoni / Questo paese devastato dal dolore / Ma non vi danno un po’ di dispiacere / Quei corpi in terra senza più calore?».

Che amarezza. 😦

Non ha niente di me

Premetto: non guardo il Festival di Sanremo. Troppe chiacchiere, troppe canzoni che non mi piacciono, troppi artisti che non mi interessano.

Ogni anno però, a kermesse finita, cerco le canzoni su YouTube e salvo quelle che mi piacciono perché Sanremo non mi piace, la musica sì.

Da questa edizione 2022, c’è una canzone che mi ha conquistato:

Continua a leggere “Non ha niente di me”

Un bel teppista

Ieri sera stavo cucinando. Di sottofondo avevo una radio che, in poco tempo, è diventata la mia stazione radiofonica preferita: RDS Relax.

Canzone dopo canzone, a un certo punto trasmettono Chissà se stai dormendo di Jovanotti. E non è che Jovanotti mi piaccia in maniera particolare, ma è impossibile evitare di cantare:

Continua a leggere “Un bel teppista”