Lapsus musicali

Di recente ho cominciato a fare caso ai miei personali lapsus musicali e mi sono resa conto che nascondono tanto di me, del mio modo di essere e di vedere il mondo.

E mi sono chiesta: succede solo a me di scivolare sempre e quasi inevitabilmente negli stessi lapsus oppure succede anche agli altri?

Quindi… ecco a voi i miei 4 lapsus musicali più ricorrenti. 🙂

1. Niccolò Fabi – C’è qualcosa in te che io mi ero perso

Canzone di Niccolò Fabi che mi canto nella testa (e a voce fin troppo alta e stonata nella doccia e in macchina) da tutta la vita.

Quando lui canta: “C’è qualcosa in te che io mi ero perso, guardo nei tuoi occhi e vedo l’Universo”.

Ogni singola volta, io canto: “C’è qualcosa in me che io mi ero perso, guardo nei miei occhi e vedo l’Universo”.

Lapsus interessante che rivela: egocentrismo alla massima potenza e la sensazione di essermi persa qualcosa per strada, ma non di te, di me.

Se vi piace Niccolò Fabi, gli ho dedicato anche Dopo un mese di brutte notizie, è ora di ascoltare Niccolò Fabi

2. Marco Mengoni – Cambia Un Uomo

Canzone più recente che, detto tra noi, trovo bellissima e romantica e piena di passione.

Mengoni canta: “Fosse l’ultima notte che abbiamo sai, io con tutte le altre la cambierei.

Io canto: “Fosse l’ultima notte che abbiamo sai, io con tutte le altre la passerei.

Della serie: vendicativa fino in fondo! Mi hai fatto soffrire, con il cavolo che ti perdono! È la nostra ultima notte e io la passo con chiunque, ma non con te. Ah!

3. Samuele Bersani – Giudizi universali 

Piccola parentesi su questa magnifica canzone: ho impiegato un saaaacco di tempo per impararla a memoria perché ha un testo veramente complesso.

Chiusa la parentesi, il lapsus in questo caso è quasi filosofico.

Samuele Bersani canta: Potrei, ma non voglio fidarmi di te”.

Io ho sempre cantato: Vorrei, ma non posso fidarmi di te”.

Una differenza minima, ma importante. Lui potrebbe, ma non vuole. Io vorrei, ma non posso. C’è un desiderio, nella mia versione, che nella sua manca completamente…

4. Pinguini Tattici Nucleari – Pastello Bianco

Premetto che questa canzone mi piace poco o nulla. La trovo “neniosa”, solo che in radio passa continuamente e, mannaggia alla mia memoria, l’ho imparata.

Comunque, quando loro cantano: “Se mi hai visto piangere, sappi che era un’illusione ottica. Stavo solo togliendo il mare dai miei occhi”.

Io canto: “Se mi hai visto piangere, sappi che era un’illusione ottica. Stavo solo togliendo il male dai miei occhi”.

Della serie: le lacrime che lavano gli occhi dal male di vivere. Un lapsus quasi leopardiano. 😉

Sulla mia capacità da Rain Man di imparare le canzoni a memoria ho scritto Lo spazio delle canzoni

E voi?

Vi vengono in mente dei lapsus musicali ricorrenti? Che cosa svelano di voi? 🙂

7 pensieri riguardo “Lapsus musicali

  1. No, non me vengono in mente.
    Posso confondere le strofe, per esempio (attaccando con la prima al posto della seconda, o viceversa), oppure testi in inglese capiti male. Ma scambi di singole parole non mi sovvengono.

    "Mi piace"

    1. Ah, sì, anch’io confondo spesso e volentieri le strofe. Un esempio: Giudizi Universali. Ogni strofa è simile, ma diversa dalla precedente e sbaglio costantemente l’ordine… degli addendi e il risultato cambia eccome. 😉

      Piace a 1 persona

    1. Già. Nessuno capisce come la motocicletta. 🙂 🙂
      PS: ho scoperto solo in tempi recenti che Ligabue dice “Certe notti la radio che passa Neil Young”, mentre io ho sempre sentito “Certe notti la radio che passa negli hall”… 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...