Quando scrivo

Quando scrivo, sono talmente immersa in quello che sto creando, che non sento la fame, non sento la sete, non sento la stanchezza, non sento nemmeno i “danni” da postura sbagliata, che spesso assumo.

Scrivo ovunque. A letto, in cucina, sul divano del salotto. Andrea può ascoltare la musica, guardare la televisione; nulla mi distrae.

E questo perché, quando scrivo, non sono qui. Non sono sul divano del salotto, con Andrea che guarda una video intervista a Lina Wertmüller, con la stufa accesa e il gelo fuori.

Io sono nel mondo della scrittura, dislocata nel tempo e nello spazio, dove non ho bisogno di cibo, di acqua, di andare in bagno a fare pipì.

Il mio nutrizionista non sarebbe contento. Ma proprio per niente contento a sapere che passo ore seduta, dimenticandomi di mangiare e, soprattutto, bevendo pochissimo.

Per fortuna, Andrea ogni tanto mi riporta alla realtà.

Verso le tredici e trenta, si aggira in cucina, apre il frigo, lo richiude, mi dice: «Non si pranza oggi?»

Oppure, ore ventuno, stessa scenetta, battuta leggermente diversa: «Non si cena oggi?»

Ha ragione anche lui, non è mica facile vivere con uno scrittore. E nemmeno dormirci, se è per questo (Mica facile dormire con uno scrittore). 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...